Ecco, io faccio una cosa nuova; essa germoglierà; non la riconoscerete voi? Sì, aprirò una strada nel deserto, farò scorrere fiumi nella solitudine. Isaia 43:19 (Nuova Diodati)

Una cosa nuova –> H2319 – chadash nuova, nuova cosa, fresca.

Nel deserto –> H4057 – midbar, natura selvaggia, pascolo, terra disabitata, terra selvaggia, ampi tratti di natura selvaggia (intorno alle città).

Egli mi fa giacere in pascoli di tenera erba, mi guida lungo acque riposati Salmo 23:2 (Nuova diodati)

Questo è ciò che ho sentito questa mattina presto dal Signore.. “Allungare” la “vista” verso orizzonti nuovi “terre” sconosciute dove dobbiamo seminare e raccoglieremo frutto in abbondanza.

Se un terreno è stato usato usato usato…. o se un terreno e stato contaminato come potrà nascere qualcosa???

Molte volte ci sono terreni che sembrano buoni, ben lavorati, ben curati e producono anche, solo che sotto il terreno ci sono sostanze inquinanti…

Chi mangerà questo prodotto è certo che non starà bene… in alcuni casi può essere letale.

Pensa al tuo terreno… bello da vedersi, curato, portando frutto ( conoscendo anime nuove a cui darai il frutto della “tua” terra) solo che nella tua vita privata, stai gettando scorie nella terra (peccato, adulterio, fornicazione, mormorazione ecc ecc) che cibo darai?

Ci sono molte situazioni di contaminazione dove apparentemente sembra tutto bello, ma nulla cambia… allora il Signore dice di esplorare e andare in quelle terre dove nessuno è stato.

La comodità, la routine, il dipendere da qualcuno può “farti morire spiritualmente”.

Il Signore vuole che capisca come sta il tuo terreno è un terreno dove la gente viene si nutre, torna e porta altra gente o dove dopo si “sente male” e non torna più???

Se l’unico/a responsabile della terra sei tu.

IO (Il Signore) farò una cosa nuova….

Dio ti benedica