Contesto storico

Circa 300 anni prima della nascita di Cristo, i Celti vivevano nelle isole britanniche,

Scandinavia ed Europa occidentale. Era una società come una qualsiasi oggi, ma

loro usi e costumi venivano controllati da una società di sacerdoti pagani chiamati

Druidi.

Loro adoravano e servivano a Samhain, il dio della morte. Ogni anno il 31 ottobre,

Druidi celebravano la vigilia del capodanno celtico in onore del loro dio Samhain.

” Le radici pagane della celebrazione sono attribuiti alla festa celtica di”Samhain ” il

culto dei morti. Si tratta di una tradizione prima dell’invasione dei Romani (46 ac),

nelle isole britanniche incorniciate nella religione dei Druidi in Gran Bretagna, Francia

r Germania e paesi celtici. Anche se poco si sa di queste celebrazioni, sembra che la

festa di Samhain era probabilmente tra il 5 e il 7 novembre (metà I’equinozio d’esta te

e il solstizio d’inverno) con una serie di festeggiamenti che durava una settimana, che

termina con la festa di”morti”, che dava inizio al nuovo anno celtico. In questo festa,

Druidi, per mezzo di medium, si comunicavano con i loro antenati in attesa di essere

guidato in questa vita per I’immortalità. I Druidi credevano che in quella notte gli

spiriti dei morti tornassero alle loro case a visitare i vivi.

E se i vivi non prowedevano cibo a questi spiriti maligni, ogni sorta di cose terribili

poteva accadere. Se gli spiriti maligni non ricevevano una festa (il trattamento),

poi avrebbero fatto i cattivi trucchi hai vivi (trucco).

Bene, questo è ciò che dice la Bibbia:

Non si trovi in mezzo a te chi faccia passare il proprio figlio o la propria figlia per il fuoco, né chi pratichi la divinazione, né indovino, né chi interpreta presagi, né chi pratica la magia, né chi usa incantesimi, né un medium che consulta spiriti, né uno stregone, né chi evoca i morti, perché tutti quelli che fanno queste cose sono in abominio all’Eterno; e a motivo di queste abominazioni, I’Eterno, il tuo DIO, sta per scacciarli davanti a te. DEUTERONOMIO 18:10-12

perché Dio non permette di consultare i morti, O gli indavini, stregoni e persino oroscopi?

L’apostolo Paolo scrisse:

Ora le opere della carne sono manifeste e sono: adulterio, fornicazione, impurità, dissolutezza, idola tria, magia, inimicizie, contese, gelosie, ire, risse, divisioni, sette, invidie, omicidi, ubriachezze, ghiottonerie e cose simili a queste, circa le quali vi prevengo, come vi ho già detto prima, che coloro che fanno tali cose non erediteranno il regno di Dio. GALATI 5:19-21

Dio è schietto a questo proposito, chi pratica questo genere di cose non può entrare

in sua presenza, cosi, ora che tu ed lo abbiamo la conoscenza della verità di questa

pratica e halloween party chiamato I’unica cosa che mi resta da aggiungere è:

1. Analizza la tua vita

2. Analizza quello che i tuoi occhi vedono e fanno

3. Cerchiamo a Dio

Dio è Dio dei vivi non dei morti, ricordati che Dio ci ama e le cose che dice la Bibbia

hanno un motivo e un perché, non ci sono solamente per dare fastidio alla mia 0 alla

tua vita, se no perché viviamo una vita intera e completa alla ricerca di Dio.

Estratto di uno studio presente nella biblioteca Antioca (Halloween).

www.Studi.Antioca.it

Dio vi benedica