Isaia 50:4 La Nuova Diodati (LND)

«Il Signore, l’Eterno, mi ha dato la lingua dei discepoli perché sappia sostenere con la parola lo stanco; egli mi risveglia ogni mattina, risveglia il mio orecchio, perché io ascolti come fanno i discepoli.

Isaia 50:4Nuova Riveduta 1994 (NR1994)

(A)Il Signore, Dio, mi ha dato una lingua pronta[a], perché io sappia aiutare con la parola chi è stanco.
Egli risveglia, ogni mattina, risveglia il mio orecchio, perché io ascolti, come ascoltano i discepoli.

Sostenere con la parola.

Non una parola umana, ma una parola che proviene da Dio, una parola Rhema, che si applica alla vita di chi la riceve, una parola che è come se la avesse parlata Dio.

Cosa Dice Isaia 50:4 :

  1. 1. Lingua dei discepoli:
    Una lingua che glorifica, testimonia e che parla esclusivamente di Cristo.
    I discepoli erano inviati a parlare e testimoniare di Gesù e loro lo fecero.
  2. 2. Risveglia il mio orecchio:
    Le nostre orecchie hanno bisogno di essere “risvegliate / sturate”,  perchè sono “addormentate/chiuse” dai rumori di questo mondo.
  3. 3. Perchè io ascolti come fanno i discepoli:
    Quando Gesù parlava, i dicsepoli fermavano di fare ogni cosa per seguirlo ed ascoltarlo (Lui è la parola fatta carne Giovanni 1), facendo ciò che lui comandava.
    Isegnamento, apprendimento, disciplina e messa in pratica.

Isaia 50:10 La Nuova Diodati (LND)

10 Chi tra voi teme l’Eterno e ascolta la voce del suo servo? Chi cammina nelle tenebre senza alcuna luce, confidi nel nome dell’Eterno e si appoggi sul suo DIO!

Chi teme l’Eterno E ascolta la sua voce?

Timore e Ascolto, vanno insieme e devono andare insieme.

Dio vuole risvegliare ogni giorno le orecchie dei suoi discepoli, affinchè possano imparare ad ascoltare e riconoscere la sua voce, la unica parola di vita, per imparare ad essere più docili.

Dio vuole ogni giorno risvegliare le orecchie dei suoi discepoli, affinchè non cadano nell’inganno nella tentazioni di altre voci, di rumori che vengono da satana.

Giovanni 10:3-5La Nuova Diodati (LND)

A lui apre il portinaio; le pecore ascoltano la sua voce, ed egli chiama le sue pecore per nome e le conduce fuori.E, quando ha fatto uscire le sue pecore, va davanti a loro; e le pecore lo seguono, perché conoscono la sua voceNon seguiranno però alcun estraneo ma fuggiranno lontano da lui, perché non conoscono la voce degli estranei».

Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese.

Bracuto Alessandro

Bracuto Alessandro

Ministro Incaricato