Team – 19 Aprile 2017


T. Together  –> Insieme
E. Everyone –> Tutti
A. Achieves –> Raggiungere
M. More       –> Di più

 

TUTTI INSIEME PER RAGGIUNGERE DI PIU’

1 Corinzi 10:16-17 La Nuova Diodati (LND)

16 il calice della benedizione, che noi benediciamo, non è forse partecipazione con il sangue di Cristo? Il pane, che noi rompiamo, non è forse partecipazione con il corpo di Cristo? 17 Poiché vi è un solo pane e noi, sebbene in molti, siamo un solo corpo, poiché tutti partecipiamo dell’unico pane.

1 Corinzi 10:16-17 Nuova Riveduta 1994 (NR1994)

16 Il calice della benedizione, che noi benediciamo, non è forse la comunione con il sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è forse la comunione con il corpo di Cristo? 17 Siccome vi è un unico pane, noi, che siamo molti, siamo un corpo unico, perché partecipiamo tutti a quell’unico pane.

1 Corinzi 10:16-17 La Bibbia della Gioia (BDG)

16 Quando chiediamo le benedizioni di Dio, mentre beviamo il vino del calice alla tavola del Signore, non significa forse che tutti quelli che bevono dividono le benedizioni del sangue di Cristo? E quando spezziamo il pane tutti insieme, non significa forse che stiamo partecipando al corpo di Cristo? 17 Non importa quanti siamo, tutti noi mangiamo quell’unico pane, e con quest’atto dimostriamo che siamo tutti parte di un solo corpo, quello di Cristo.

Leggendo 1 Corinzi 10:16-17 apprendiamo che l’apostolo Paolo cerca, attraverso l’esempio del corpo umano, di dare un’illustrazione che si avvicini il più possibile alla relazione spirituale che c’è tra ogni membro del corpo di Cristo (la Chiesa) e Cristo stesso. Paolo, nel contesto della cena del Signore, dice: Il calice della benedizione, che noi benediciamo, non è forse la comunione con il sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è forse la comunione con il corpo di Cristo? Siccome vi è un unico pane, noi, che siamo molti, siamo un corpo unico, perché partecipiamo tutti a quell’unico pane.  Paolo fa riferimento al corpo umano per indicare la chiesa. Evidentemente il suo obiettivo è quello di comunicare un messaggio di tipo visivo che possa rimanere sempre vivo nelle menti dei credenti, un messaggio impresso che si colleghi a una realtà comune tra gli esseri umani: il corpo.

LA CHIESA

Crediamo che la Chiesa del nostro Signor Gesù Cristo sia una, universale ed indivisibile, formata da tutti gli uomini – senza distinzione di nazionalità, lingua, colore o costume – che hanno accettato il nostro Signor Gesù Cristo come loro Salvatore e sono stati battezzati dallo Spirito Santo (1 Cor. 12:13). I vincoli che uniscono i membri della Chiesa sono l’amore e la fede comune ed il loro stendardo è il Nome di Gesù Cristo, sotto il quale marcia gagliardamente la Chiesa, imponente come eserciti in ordine (Cant. 6: 10).

La chiesa viene paragonata al corpo umano

12 (B)Poiché, come il corpo è uno e ha molte membra, e tutte le membra del corpo, benché siano molte, formano un solo corpo, cosí è anche di Cristo. 13 Infatti noi tutti siamo stati battezzati in un unico Spirito[a] per formare un unico corpo, Giudei e Greci, schiavi e liberi; e tutti siamo stati abbeverati di un solo Spirito. 14 Infatti il corpo non si compone di un membro solo, ma di molte membra. 15 Se il piede dicesse: «Siccome io non sono mano, non sono del corpo», non per questo non sarebbe del corpo. 16 Se l’orecchio dicesse: «Siccome io non sono occhio, non sono del corpo», non per questo non sarebbe del corpo. 17 Se tutto il corpo fosse occhio, dove sarebbe l’udito? Se tutto fosse udito, dove sarebbe l’odorato? 18 Ma ora Dio ha collocato ciascun membro nel corpo, come ha voluto. 19 Se tutte le membra fossero un unico membro, dove sarebbe il corpo?20 Ci son dunque molte membra, ma c’è un unico corpo; 21 l’occhio non può dire alla mano: «Non ho bisogno di te»; né il capo può dire ai piedi: «Non ho bisogno di voi».22 Al contrario, le membra del corpo che sembrano essere piú deboli, sono invece necessarie; 23 e quelle parti del corpo che stimiamo essere le meno onorevoli, le circondiamo di maggior onore; le nostre parti indecorose sono trattate con maggior decoro, 24 mentre le parti nostre decorose non ne hanno bisogno; ma Dio ha formato il corpo in modo da dare maggior onore alla parte che ne mancava, 25 perché non ci fosse divisione nel corpo, ma le membra avessero la medesima cura le une per le altre. 26 Se un membro soffre, tutte le membra soffrono con lui; se un membro è onorato, tutte le membra ne gioiscono con lui. 27 Ora voi siete il corpo di Cristo e membra di esso, ciascuno per parte sua. 28 E Dio ha posto nella chiesa in primo luogo degli *apostoli, in secondo luogo dei *profeti, in terzo luogo dei *dottori, poi miracoli, poi doni di guarigioni, assistenze, doni di governo, diversità di lingue. 29 Sono forse tutti apostoli? Sono forse tutti profeti? Sono forse tutti dottori? Fanno tutti dei miracoli? 30 Tutti hanno forse i doni di guarigioni? Parlano tutti in altre lingue? Interpretano tutti? 31 Voi, però, desiderate ardentemente i doni maggiori!

In che modo si diventa parte del corpo di Cristo, della Sua chiesa?

Alla conversione siamo stati tutti:
– Battezzati – per immerisione (Atti 2;38) –> inseriti “in questo corpo (la chiesa)
– Abbiamo ricevuto una nuova vita
– I nostri corpi sono diventati il tempio di Dio
– Tutti i credenti hanno in comune l’esperienza della nuova nascita

i problemi di un membro parte del corpo di Cristo:
– Non ho bisogno di te,.., non ho bisogno di voi !
– pensare di avere capacità sufficienti
– Pensare diavere capaci superiori
– Pensare di essere migliori degli altri
– Pensara essere in controllo totale
– Non si apprezza il lavoro di squadra
– Secondo me…
– IO IO IO…
– La mormorazione – Gossip – Sparlare
– Abbiamo tutti bisogno dell’apporto di ogni membro
– Ogni membro locale – rappresenta il corpo di Cristo
– Ogni chiesa locale – rappresenta il corpo di Cristo
– Ognuno è chiamato a responsabilizzarsi
– Dobbiamo godere insieme delle benedizioni che Dio ha preparato per ognuno (Efesini 1:3)
– Dio è sovrano di dare e anche di togliere ogni cosa (Giobbe 1:21)

Il team non è un lavoro individuale, così è nella chiesa.

Nel team si lavora insieme quando tutto va bene e quando tutto va male o ci sono problemi, il team insieme lavora per superare gli ostacoli, così deve essere nella chiesa, quando ci sono problemi, difficoltà, 1. non smettere di congregarsi, 2. l’unità aiuta. (Proverbi 11:14 Senza una saggia guida il popolo cade, ma nel gran numero di consiglieri c’è salvezza).

COSE INCREDIBILI E SOPRANNATURALI FA IL SIGNORE DOVE C’E’ UNITA’ E COLLABORAZIONE:

Atti 1:13 Rientrati in città, salirono nella sala di sopra, dove si trattenevano Pietro e Giacomo, Giovanni e Andrea, Filippo e Tommaso, Bartolomeo e Matteo, Giacomo d’Alfeo e Simone lo Zelota, e Giuda di Giacomo.14 Tutti costoro perseveravano con una sola mente nella preghiera e supplica con le donne, con Maria, madre di Gesú, e con i fratelli di lui.

Atti 2:1 Come giunse il giorno della Pentecoste, essi erano tutti riuniti con una sola mente nello stesso luogo. E all’improvviso venne dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, e riempí tutta la casa dove essi sedevano. E apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano, e andarono a posarsi su ciascuno di loro.Cosí furono tutti ripieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro di esprimersi.

Atti 2: 41 Quelli dunque che ricevettero la sua parola lietamente furono battezzati; in quel giorno furono aggiunte circa tremila persone.42 Essi erano perseveranti nel seguire l’insegnamento degli apostoli, nella comunione, nel rompere il pane e nelle preghiere.43 Ed erano tutti presi da timore; e molti segni e miracoli si facevano per mano degli apostoli. 44 Or tutti coloro che credevano stavano insieme ed avevano ogni cosa in comune.45 E vendevano i poderi e i beni e li distribuivano a tutti, secondo il bisogno di ciascuno. 46 E perseveravano con una sola mente tutti i giorni nel tempio e rompendo il pane di casa in casa, prendevano il cibo insieme con gioia e semplicità di cuore, 47 lodando Dio e godendo il favore di tutto il popolo. E il Signore aggiungeva alla chiesa ogni giorno coloro che erano salvati.

TUTTI INSIEME COME UN UNICO CORPO.

 

E’ NECESSARIO UN LAVORO DI TEAM