Il Signore ha messo nel cuore della sor. Ilaria la parola
“Sanità interiore”

Quando qualcuno si battezza come dice la scrittura (Atti 2:38) riconosce Gesù come il suo Signore e
Salvatore personale, diventa un figlio di Dio,
lavato per mezzo del suo sangue morendo alla vecchia vita peccaminosa e rinascendo come una nuova creatura, iniziando un nuovo cammino e processo.

Questo non significa che il credente
è già totalmente trasformato, cambiato e tutti i tuoi problemi lo “sono finiti” ecc ecc.

Ci sono credenti che rimangono con molti
legami del passato, come: ferite, amarezza, traumi ecc ecc… situazioni complesse.

La prima domanda che mi viene in mente
è:
perché come credenti ci trasciniamo ancora cose del passato?
perché non riusciamo a cambiare certe aree della nostra vita?
….
….

Il motivo è in un ravvedimento sincero in una rinascita di acqua e Spirito…
Il motivo è nel lasciarsi guidare dallo Spirito Santo…
ovvero dobbiamo permettere a Dio di rinnovarci e trasformarci nelle aree dove abbiamo bisogno di “liberazione e guarigione” interiore.

“Sanità interiore”

Proverbi 20:27 LND
Lo spirito dell’uomo è la lampada dell’Eterno, che scruta tutti i più reconditi recessi del cuore.

pastore e moglie

#02 – Sanità interiore – 28 Lug 20